Disfacimento, Sterte Linnea

In un deserto alieno alcuni cacciatori abbattono una balena spaziale, ne annientano l’anima, si cibano delle sue carni, lasciano la carcassa a marcire. Ma da quel disfacimento si sprigiona una forza generativa, ciò che è morte diventa nutrimento per qualcos’altro, che a sua volta vive per farsi poi substrato. Si avvicendano i secoli e gli eoni, civiltà sorgono e collassano attorno a questo scheletro titanico. Linnea Sterte racconta una storia che è sì fantascienza ma che affronta i nodi centrali della filosofia e dell’ecologia contemporanee: il cambiamento, il ciclo della vita, il costante avvicendarsi di creature differenti che convivono in un delicato gioco che, nel lento scorrere del tempo, assomiglia a una danza. Con un approccio visivo straordinario e una delicatezza impareggiabili, Sterte ci trasporta nel futuro, invitandoci a riflettere sul nostro presente, sulla natura che abitiamo e che ci abita.

 

«Le tavole di Disfacimento contengono poche parole ma appartengono a una lingua segreta, falsamente semplice, geneticamente aliena e inattingibile. Ogni verso, ogni lamento, ogni nome, vibra di una falsa calma, annuncia una nascita e una catastrofe contemporaneamente, in un ciclo ininterrotto di vita e di morte che piacerebbe molto a Donna Haraway: in questa storia si vive-con e si muore-con»  Claudia Durastanti

 

Editore: Add | Ordina subito su Goodbook.it o su Bookdelaer.it

 

Categoria: